Mad Max Fury Road

LocandinaMadMaxFuryRoad Un’icona del cinema action anni 80 viene rispolverata nel ventunesimo secolo e il risultato è sorprendente. E’ un periodo di remake e riciclo nel cinema blockbuster, ma forse per la prima volta un’idea ripescata dal passato migliora nell’operazione di “modernizzazione”.
Continua a leggere

Annunci

Pacific Rim

Pacific Rim è una fissa. Mettiamo in chiaro questo.

Ora vi spiego perché, ma era importante cominciare mettendo i puntini sulle i.

E’ un film che mischia i mega monster movie giapponesi (Kaiju Eiga) sullo stile di Godzilla, con robot giganti pilotati da umani all’interno di essi.

Quindi per un anime/manga fan è praticamente un’overdose sensoriale. Ci sono botte di un livello mai visto al cinema. Se avete dato un’occhiata al trailer con la famosa sequenza della nave nei denti capite cose intendo. Pensateci bene…

UNA.
NAVE.
NEI.
DENTI.

Ci può essere qualcosa di più figo?

PR_4

Quella che ha in mano Gypsy Danger è una nave. UNA NAVE

Il primo contatto alieno avviene sul pianeta Terra. Un mostro gigantesco emerge dal mare e spiana San Francisco. Questo tanto per mettere in chiaro il tono del film. Continua a leggere

Venduti i diritti per fare un film di Deus Ex:HR

E’ notizia di oggi che la CBS ha acquisito dalla Eidos Montreal / Square Enix i diritti per una trasposizione cinematografica di Deus Ex: Human Revolution. Ovviamente è troppo presto per parlare di registi o sceneggiatori, comunque il contratto è siglato.

Bisognerà vedere quanti anni ci vorranno affinché la casa di produzione decida di dare la luce verde al progetto. Nonostante i diritti, infatti, il film di Deus Ex potrebbe non venir mai alla luce.

Secondo me il soggetto è interessante, l’ambientazione fantastica ed è un’ottima occasione per vedere un po’ di transumanismo sul grande schermo, assente dall’uscita di Inception (si, secondo me Inception è un mancato film transumanista).

Certo ci sarà da spendere sugli effetti speciali, ma se avete visto Max Payne, Tomb Raider e Hitman (per non parlare di Resident Evil), pare che ormai le produzioni cinematografiche spendano qualche soldo vero sui film tratti dai videogame.

Speriamo bene.

Saluti dal vostro redattore estropiano. 😀

Fonte: Gamespot

[film] recensione: The Avengers

In tutti questi anni di film sui supereroi, ci siamo abituati ad una struttura costante, almeno per quanto riguarda i primi episodi: nella prima parte del film viene introdotto il personaggio e nella seconda si palesa il nemico ed inizia lo scontro.

In The Avengers, cronaca di uno dei primi super-gruppi Marvel, i personaggi sono già stati introdotti nei vari film che lo hanno preceduto: i due Iron Man, i due Hulk, Capitan America e Thor. Persino il cattivo di turno, che dovrebbe essere Loki, e l’oggetto del contendere (il Tesseract) sono già comparsi in altri film.

Joss Whedon, qui alla regia, noto nella scena nerd per essere l’uomo dietro Buffy The Vampire Slayer e Firefly, non spreca un attimo e ci catapulta subito nell’azione, il “secondo tempo” del film.

Questo è un film d’azione e di effetti speciali. Ed in questo è tremendamente efficace.

Whedon riesce nell’impresa di dare lo stesso screen-time a tutti i personaggi (compreso Nick Fury), ritagliando ad ognuno dei protagonisti un ruolo ben definito e dando loro la possibilità di contribuire allo svolgimento della trama.

Il film dura più di 2 ore, e nel cercare di mettere in mostra tutti si sacrifica un po’ il nemico da battere, un Loki di cui non si capiscono bene le motivazioni personali, che mette in piedi un piano piuttosto diretto e che non sembra porterebbe in ogni caso alcun frutto, anche andando a buon fine. I minion messi in campo da Loki sono una razza aliena che tenta un’invasione della Terra con unità di fanteria pesante. Belli da vedere ma decisamente poco efficaci.

Ma si sa che in ambiente Marvel i nemici sono solo un pretesto per vedere le botte e qui il film davvero splende: le sequenze di combattimento sono emozionanti, con un grande montaggio e molto varie. Finalmente in un film con Hulk ci sono nemici alla sua altezza.

Devo confessare che quando Hulk entra in campo sul serio ho cominciato ad esclamare “Che figata!”. Credo di averlo detto almeno 10 volte prima della fine del film. Se siete un Marvel-fan come me, questo film non lo dovete assolutamente perdere.

Simpatici i siparietti comici inseriti per spezzare la tensione. In simili contesti domina l’aspetto buffonesco di Tony Stark, che qui riprende la sua vena fra il serio e il faceto, senza sconfinare nella “coattaggine” del secondo Iron Man.

Come in tutti i film Marvel c’è una sequenza bonus a fine film, ma per vederla basta aspettare la fine della prima parte dei titoli di coda, che sono inseriti su una bella sequenza in computer grafica che mostra i particolari degli equipaggiamenti degli eroi.