[Dark Souls] La mia maguzza

E’ arrivato il momento di celebrare la mia maga con questa bella immagine:

Missione compiuta 🙂

Come avrete sicuramente dedotto, sto continuando a giocare a Dark Souls dopo la notizia che Skyrim ha bisogno ancora di un 6-7 mesi di patch, anche se sono sicuro che non raggiungerà mai uno stato decente per PS3 (lo salterò come ho fatto con New Vegas).

Vi lascio con un piccolo slideshow di un paio di set che ho acquisito:

Questo slideshow richiede JavaScript.

[Recensione] Dark Souls

La tanto decantata difficoltà di questo gioco in realtà io la chiamerei un tentativo da parte della From Software di creare un gioco REALISTICO. Una spadata in testa può, nella realtà e in questo gioco, uccidere. Sostanzialmente non c’è nient’altro da aggiungere. Nel mondo di DS bisogna stare attenti, bisogna esplorare con cautela e con attenzione, appunto come si farebbe nella realtà.

La morte infatti è probabilmente la componente più importante di DS, parte integrante dell’esperienza. Qua la morte non è più una cosa da evitare a tutti i costi ma una cosa che va abbracciata e possibilmente controllata. Molte cose succedono solo se si è morti, mentre molti incontri con i personaggi del gioco, occorrono solamente da vivi (in questo gioco c’è lo stato da morto o “hollow” e da vivo).

DS è a tratti frustrante e l’avanzamento è molto lento. Ma la cosa più bella è il raggiungere un piccolo traguardo dopo aver faticato per ore. E’ un gioco che regala soddisfazioni e questo è l’incentivo principale che alla fine ti fa continuare a giocare, anche se le ultime sessioni di gioco si sono dimostrate un disastro.

La grafica è forse la più dettagliata che ho visto fin’ora in un gioco della PS3 e la musica è molto bella. I personaggi che si incontrano durante l’avventura forse hanno una cadenza e una voce un po’ strana durante i dialoghi però ci si trova in un mondo talmente fantastico che alla fine non ci si fa caso.

A differenza di Demon’s Souls, che è diviso in “livelli” con un “hub” iniziale in cui ci si può rifugiare, DS è un “open world”. All’inizio si ha molta libertà di movimento e il giocatore può scegliere se andare subito nelle zone più difficili o cercare di trovare un percorso ideale. Il sistema di sbloccare varie scorciatoie è rimasto invariato. Si fa fatica a sbloccarle ma poi si guadagna parecchio tempo per raggiungere punti che prima erano molto lontani tra di loro e pieni di pericoli.

Alla creazione del personaggio non ci sono le classi tipiche di questo genere di giochi. La differenza si trova solo nell’equipaggiamento di base ma poi il personaggio si può sviluppare a piacimento. Io ad esempio ho creato un piromante (un mago che casta magie di fuoco) ma andavo spesso in giro in armatura pesante e un’alabarda.

Si ha molta libertà anche nella modificazione delle armi. Si possono fare di fuoco, elettriche, divine ecc. Ci sono anche parecchi set di armatura, molto belli graficamente tra l’altro, che danno bonus e protezioni diversi, da usare all’occorrenza.

Per tre settimane non sono riuscito a giocare ad altro. E’ il tipico gioco che non ha vie di mezzo, o lo ami o lo odi.

Voto 5/5 (da provare assolutamente)

Iniziato Dark Souls

La copertina del gioco.

Fantastico…difficilissimo ma veramente stupendo. Bisogna solo munirsi di un quantitativo di pazienza esagerato, perché spesso viene la voglia di lanciare il joypad contro la TV alla velocità della luce e creare una zona di energia negativa…ok, mi fermo 😉

L’atmosfera è tetra e la suspense alle stelle, dopo una sessione di gioco spesso mi rendo conto di aver tenuto lo stomaco in tensione per tutto il tempo, roba da crampi sto gioco.

Sto tenendo un diario sulle mie gesta. Si trova QUA se siete interessati. Contiene comunque parecchi spoiler quindi se avete intenzione di giocare a questo gioco vi consiglio di non leggerlo, dato che scoprire le cose da soli è la cosa più bella di DS. Sono al terzo giorno di gioco e a quasi 4 ore.

Devo dire che è molto più difficile di Demon’s Souls, almeno questa è la mia impressione. Inoltre si è lasciati un po’ a se stessi e le indicazioni nonché il manuale sono un po’ scarni. Penso sia parte dell’esperienza. Leggersi le guide a questo punto rovinerebbe l’esperienza. La cosa bella è riuscire a superare un pezzo e trovare un oggetto importante per proseguire nel gioco…come una chiave ad esempio.

Lo consiglio vivamente a tutti i masochisti 🙂 non ve ne pentirete. Vi rimando al mio diario per seguire le gesta del mio pyromancer non-morto 🙂

Dark Souls in arrivo + Resident Evil 4 + FreeRealms

Ho scoperto (in realtà lo sapevo ma me ne ero dimenticato) che tra pochi giorni (il 7 Ottobre per l’esattezza) esce Dark Souls, il successore di Demon’s Souls, sviluppato sempre dalla From Software.

Lo dico perché sento il desiderio irrefrenabile di giocarci dato che ho letteralmente amato il “primo”, col quale ho speso parecchie ore. Ma allo stesso tempo so quanto può essere frustrante questo gioco all’inizio e che la componente multiplayer, anche se molto originale, spesso toglie il divertimento (quando ti invadono, per capire di cosa parlo date una letta alla Wiki di Demon’s Souls). Il fatto di aver letto e sentito che questo è anche più difficile non aiuta molto.

Mi sono letto/visto la rece di IGN e ve la cosiglio in caso siate anche voi indecisi. Si trova QUA. Gametrailers dovrebbe averla in settimana.

Resident Evil 4
Sto ancora giocando a Resident Evil 4 col quale mi sto divertento parecchio (veramente un bel gioco). I comandi sono orrendi a dir poco e spesso mi impiccio dato che sono completamente diversi da quelli più “logici” che si trovano fortunatamente in giochi simili di questa generazione. Non riesco a capire come gli è venuto in mente di farli così.

FreeRealms
Questo giochino un po’ per bambini in realtà è proprio appunto, per bambini…no dicono che anche i più grandicelli si divertono ma forse intendevano quelli di 13 anni 🙂 Apparte gli scherzi alla fine non è tanto male anche se la musichetta ti fa venire la voglia di infilarti due bacchette cinesi nelle orecchie (fortunatamente si può mettere il volume della musica al minimo).

la cosa che mi ha colpito di più è che in questo MMO si può fare il cuoco, il pescatore e altre professioni del genere, eliminando completamente la componente “uccidi-tutto-cio’-che-si-muove” tipica di giochi di questo genere. Molto divertente.
Per ora ho scelto la professione di cuoco e la cosa bella è che si possono cambiare in qualsiasi momento mantenendo il livello della professione precedente.

Il gioco è free però molto limitato se non si paga un canone. C’è anche una sottoscrizione “life” che costa meno di 40 euro (quella che ho fatto io). Molto conveniente se si calcola che al mese costa tipo 5 euro. E’ pieno di giocatori e non si rischia minimamente di sentirsi soli 🙂