Deus Ex:HR – Paolo pagina 2

Pagina precedente

La mia attività preferita a Deus Ex: prendere a cazzotti la gente.

Day 3

Sono a Hengsha, la straordinaria città a due livelli nel cuore del colosso cinese. Bella la cutscene inziale, ma una volta che si sta dentro non ci si rende conto che la città è a due strati.

Il panorama di Hengsha

"Cin Ciao Lin, sei tu!"

"Ti ho detto di non fumareee!"

Mi ritrovo sul tetto di un hotel, che in realtà è un bordello a 4 piani. Wow. Qui fanno le cose in grande. Faccio subito una quest per una delle lavoratrici. A quanto pare c’è un pappone che fornisce impianti cibernetici alle ragazze e poi le incastra in una spirale di estorsioni. Vado a fargli una visita e gli faccio incontrare da vicino i miei cazzotti. La cosa si risolve molto velocemente.

Uscendo dal gioco mi metto a guardare gli Achievement su Steam e mi accorgo che ce n’è uno che premia chi stende 100 persone a cazzotti: mi metto subito all’opera pestando barboni e passanti con somma soddisfazione.

Il tipo sta pulendo quella mattonella da mezz'ora

"Beccati questo, fannullone!"

"Questo perché piratavi i floppy dell'Amiga500!"

Dopo aver pestato mezza città esco soddisfatto dal gioco e mi capita di leggere la descrizione dell’Achievement in dettaglio: si tratta di stendere 100 nemici. Porco cane. E pensare che mi stavo divertendo.

Altra quest, altra estorsione. Questa volta mi tocca aiutare Jaya, incastrata da una specie di strozzino che le ha venduto un impianto per il carisma.

Questo è quello a cui pensavo mentre Jaya parlava.

Vengo ingaggiato dallo strozzino, trovo Jaya e le vado a chiedere i soldi. A quel punto mi attacca una cantilena devastante, al termine della quale decido di aiutarla per sfinimento.

Comunque devo tornare dallo strozzino, che fa il barista in un locale ultra chic che si chiama The Hive. Il problema è che il biglietto di ingresso costa 1000 crediti. Provo a convincere il buttafuori.

Io: “Sono sempre 1000 crediti?”
Lui:  “Come prima, paghi?”
Io: “Magari dopo”

Ci penso 2 secondi e gli allungo un destro in faccia. Ingresso gratuito.

The Hive

Il mio biglietto gratuito

2 Consiglieri Regionali e un assessore del PDL

Dentro è pieno di coattoni ricoperti di ferraglia e, come prevedibile considerando il biglietto, di frequentatrici di Palazzo Grazioli.
Trovo il barista/strozzino che per liberare la rompiballe mi chiede la cifra astronomica di 5k crediti. Pazzesco. Ci rifletto un attimo e decido di pagare. Con il Praxis che ricevo in omaggio abilito il cloaking, lo provo subito diventando invisibile e da sotto il bancone tiro un gancio destro pauroso al barista, che vola sotto la cassa. Mi riprendo i miei 5k e esco fischiettando…

Servizio pessimo!

Day 4

Prima di rimettermi sulla pista che mi ha dato Barrett morendo, mi accingo a completare un’altra quest, che cerca di far luce su un omicidio risolto in maniera frettolosa dalla pubblica sicurezza di Hengsha.

Il "defacing" di The Hive

La ricerca si rivela molto interessante, richiedendo una buona combinazione di abilità diverse, oltre ad un’analisi dell’appartamento del sospettato alla ricerca di prove. Mi ritrovo poi a The Hive a confrontare l’evidente colpevole e qui il mio contatto (Malik, che pilota l’hover jet della Sarif) fa un numero esagerato: registra la confessione del tizio in questione e la manda sugli schermic he decorano la faccia dell’Hive. Priceless.

Mi rimetto in cerca dell’hacker che ha violato per due volte la sicurezza della Sarif e scopro che si tratta di un certo Van Bruggen, che risiede in un capsule hotel e si rivela decisamente collaborativo (stavo già riscaldando le mie nocche di titanio). Secondo lui dietro al casino alla Sarif c’è il concorrente storico della mia ditta: la Tai Yong Medical, altri produttori di impianti cibernetici.

Non faccio in tempo ad assorbire l’informazione che una squadra d’assalto di mercenari fa irruzione nel capsule hotel e scatena un tremendo scontro a fuoco. E’ un massacro. Riesco a cavarmela abbastanza bene con la mia 10 mm e regalo la mia Revolver a Van Bruggen nella speranza che riesca a difendersi.

Vista dall'ascensore panoramico della TYM

Riesco alla fine ad arrivare fino alla cima del palazzo della Tai Yong Medical, dove Zhao, un’altra tipa con vestiti rinascimentali, mi fa una specie di trucchetto, mi passa un po’ di info addossando tutta la colpa sulla Picus (qui fanno tutti scarica barile) e quindi mi sguinzaglia contro un mare di guardie armate fino ai denti. Decido di usare le mine che mi portavo dietro da tempo. BOOM.

Fra le note positive, mi accorgo che il mio problema con le gambe che si incastravano pare essere svanito. Devo aver beccato un update mentre dormivo sull’aereo oppure l’aria cinese piena di inquinanti fa bene anche ai software Bethesda.

A conclusione di questa ordalia io ho le idee sempre più confuse ma non so bene come, ho capito che Megan Reed (la mia ragazza, mi sono ricordato il nome!) è ancora viva. prendo il mio solito taxi aereo per fare un viaggetto a Montreal, destinazione Picus.

Day 5

A Montreal faccio visita alla Picus, il motivo mi sfugge, mi sembra che le tracce che mi conducono da un punto all’altro del globo siano a dir poco sbiadite. Boh. Vediamo cosa ci porta il Fato.
La Picus è la più grande news coorporation del mondo, quindi nell’era dell’informazione controlla un bel po’ di potere. Il palazzo della Picus è sospettosamente vuoto, se si considera che è un posto dove si lavora 24/7 che produce quantità imperiali di contenuti.
Mi metto in cerca dei Eliza Cassam, la famosa presentatrice e mi rendo conto che il palazzo non è proprio vuoto… si aggirano infatti in esso loschi figuri pieni di impianti e gadget che servono a far volare il piombo. Siccome di solito vola nella mia direzione e questi tipacci non mi hanno fatto niente di male, me la gioco con lo stealth e mi metto alla ricerca dell’ufficio di Eliza, la stanza 404… il numero mi desta un sospetto…
…che puntualmente si avvera. Nella stanza 404 Eliza is not found.

La stanza 404. Che cos'è questa roba?

Nella Picus c'è Cerbero?

Il 404 è il codice standard del protocollo http per indicare una Url non trovata. Mi becco questo scherzo da sistemista e mi dirigo verso la stanza da cui partono le trasmissioni residue della Picus: la 802.11. Ahia, altro scherzo in vista: 802.11 è il codice IEEE della Wireless LAN…

Dopo lungo peregrinare trovo la stanza 802.11, da cui qualcuno sta trasmettendo. Qui faccio la conoscenza di Eliza Cassam, che in sostanza mi dice che i giocatori nella partita sono molto più grandi della Sarif e della TYM, che è più o meno quello che ha detto la tipa della TYM. Quindi qualcosa di ancora più grande della Picus, che cosa potrebbe essere? Il governo, gli alieni, Berlusconi? Boh, andiamo avanti.

Eliza mi spara subito un paio di sorpresone che proprio non voglio spoilerare, diciamo che è una presentatrice “virtuale”. Purtroppo nella stanza ci trovo pure il secondo boss del gioco, una tipa corazzata e con un taglio di capelli fatto con un machete. Non ho neanche il tempo di presentarmi e sfoggiare il mio cappotto che la tipa mi attacca in cloaking.

La strana tipa (boss 2)

Uso subito il Typhoon, ma la manco. Mi metto a correre in giro dopo aver beccato una mezza raffica di mitraglietta. Appena vedo l’acqua a terra che si muove nella mia direzione sparo un altro colpo di Typhoon e questa volta la prendo, distruggendo pure un server che la riempe di scosse elettriche (io ho appena comprato la protezione EMP :-D). Provo a darle il mio caratteristico gancio destro nei denti, ma la tipa para e contrattacca. Questa volta il cartone me lo becco io, ma non mi fa granché male.

La tipa riprova ad attaccarmi ma io passo al server successivo, lo distruggo producendo una scossa ulteriore e mentre lei fa il ballo di San Vito, la stendo con una mitragliata. Easy. Loot e poi si va verso Detroit, a parlare di nuovo con Sarif che, a quanto dice Eliza, sapeva già tutto.

Quindi dall’inizio sto girando a vuoto. Bene, questo si che è lavoro ben gestito.

Dopo aver steso la tipa vado a farle la predica.

Pagina successiva

5 risposte a “Deus Ex:HR – Paolo pagina 2

  1. Notevole gli screenshot con i ganci di Jensen. Dati con tutta la spalla e torsione del busto. Chissà che male!😀
    Ottima la satira politica LOL

    • Che soddisfazione pestare gli stronzi. Ora che ho il cloak al massimo e il jump 3 m, mi butto in mezzo ai nemici col cloak e inizio a tirare cazzotti a destra e manca. Prossimo upgrade il doppio takedown

      • Cavolo se non me le dicevi tu le citazioni informatiche (404 e 802.11) non le avrei colte. A conferma che questo gioco è una figata sotto moltissimi aspetti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...