[rece] The Last of Us

"The Last of Us wallpaper" by ~De-monVarela (Deviantart)

“The Last of Us wallpaper” by ~De-monVarela (Deviantart)

Mi sono fatto una full immersion di 16 ore in 4 giorni, con una media di 5-6 ore al giorno. A un gioco così posso solo che dare il massimo dei voti, anche se pecca un tantino di originalità, dato che si basa pesantemente sui classici cliché distopia post apocalittici. Cercherò comunque di essere obiettivo😉

La storia è molto interessante e a tratti commovente. Mi sono ritrovato più di una volta incollato al televisore con un nodo alla gola. Come già accennato precedentemente nel mio “prime impressioni”, è molto simile a “I am Legend” di Matheson. Qua però l’agente nocivo viene rappresentato da delle spore di origine non molto chiara. Una volta inalate, si viene trasformati in esseri completamente fuori controllo assetati di sangue. Un incrocio tra zombie e quelli del film “28 days later”.

Joel, il protagonista, viene incaricato di scortare una ragazzina, Ellie, attraverso il Paese in cerca di un gruppo di ribelli. Non aggiungo altro perché la storia è tutta da scoprire, anche se abbastanza prevedibile. Dico solo che non sono riuscito a smettere di giocare per 4 giorni di seguito, quindi qualcosa di buono, anche se non super originale, penso che ce l’ha.

All’ultimo E3 ha vinto come miglior gioco per PS3, tanto per cominciare.

PRESENTAZIONE
L’atmosfera è fantastica e ai massimi livelli di qualità. I dettagli dei luoghi è impressionante. Intere zone “vuote” con l’unico obiettivo quello di spostarsi dal punto A al punto B, cercando oggetti utili, viveri, munizioni, armi. Intere case abbandonate esplorabili con tutti i particolari che si possono sognare. Non credo ci sia più altro da aggiungere. Un esperienza video ludica che va assolutamente fatta.

Joel e Ellie conversano spesso durante il viaggio e i vari personaggi che si incontrano sono molto ben delineati e tridimensionali. Verso la fine ho veramente avuto paura per la sorte di Ellie e questo è sempre una cosa molto buona nei video giochi, la capacità di far preoccupare il giocatore, di tenerlo sulle spine e di rispondere emotivamente a quello che succede a un ammasso di pixel sul televisore. Impressive🙂

Di bug non ne ho riscontrato che sia uno, a discapito di qualche notizia qua e là in cui ci sono liste di bug lunghe una quaresima (i detrattori non mancano mai). Di patch mi sembra ne sia uscita una e sembra proprio che con quella siano riusciti a “stirare” via la maggior parte dei bug o almeno quelli più evidenti. Il gioco non mi si è mai impiantato in 16 ore di gioco con la console su cui avrei potuto cuocere un uovo al tegamino. Questi i giochi li sanno proprio fare.

Voto 5/5

"the Last of Us - Clicker" by *thomaswievegg (Deviantart)

“the Last of Us – Clicker” by *thomaswievegg (Deviantart)

GRAFICA
Sorprendente. Non avrei mai pensato che la PS3 fosse ancora capace di stupirmi, dato che ultimamente sto giocando sul PC al massimo dei dettagli e mi sto abituando ad un certo livello. Questo gioco mi ha fatto riaccendere la PS3 e già ho intenzione di acquistare i prossimi giochi per questa piattaforma.

Come già accennato, c’è un livello esagerato di particolari in tutte le zone e sinceramente non riesco a capire come fa la Naughty Dog a creare questo livello di grafica su una console ormai obsoleta. Usano comunque un motore grafico sviluppato “in house” (ovviamente).

Voto 5/5

SONORO
La musica, principalmente chitarra acustica, è molto suggestiva e aggiunge parecchio all’atmosfera, con un intento devoto all’immersione pura. È stata composta da Gustavo Santaolalla, un compositore argentino che ha vinto due Oscar. Non aggiungo altro😉

Voto 5/5

GIOCABILITÀ
Il personaggio risponde molto bene ai comandi, i quali non sono difficili da memorizzare. Lo zaino di Joel in primo piano mostra precisamente quello che si ha a disposizione, cosa che aiuta molto durante i momenti frenetici.

Gli scontri a fuoco e i momenti di azione frenetica, sono divertenti e l’AI risponde molto intelligentemente al giocatore. Si mettono in copertura se vedono Joel imbracciare un fucile, ad esempio. Se si aspetta troppo in copertura, cominciano ad avanzare e spesso arrivano a distanza di corpo a corpo.

Ellie non è mai tra i piedi e sembra avere un’abilità di stealth disumana (in pratica i nemici non la vedono mai). Non molto realistico ma non oso pensare cosa sarebbe diventato il gioco se ci fosse stato bisogno anche di difendere Ellie (che poi ci sono momenti in cui è attaccata e bisogna staccarle di dosso il nemico).

C’è un crafting e un sistema di avanzamento skill e armi da fuoco. Col crafting si possono creare varie cose come bombe, molotov, kit medici, coltellini ecc. Le skill di Joel possono essere migliorate quali, ad esempio, la capacità di cogliere i movimenti dei nemici attraverso l’uso dell’udito e la velocità in cui si cura e crea equipaggiamento “on the go”.

Di armi ce ne sono parecchie, anche se un paio non le ho mai usate, come il lanciafiamme. Le munizioni sono molto scarse e spesso bisogna passare alcune zone senza eliminare nessuno per risparmiare. Questo a livello normal, immagino come sia a livello difficile🙂

Voto: 5/5

"Last of us" by ~dinglehopper (Deviantart)

“Last of us” by ~dinglehopper (Deviantart)

LONGEVITÀ
Una volta finito si può ricominciare con, credo, l’equipaggiamento e gli avanzamenti guadagnati durante la prima partita. C’è anche la possibilità di comprare delle skin per i personaggi; delle modalità di gioco un po’ esotiche quali il “bianco e nero” e altre due che non ricordo; e delle gallerie di immagini molto belle.

Come sempre, non ho abbastanza incentivi per ricominciare una nuova partita, anche se in “bianco e nero” e con qualche skin diversa. Di solito i giochi li finisco una volta sola. Ad essere sinceri, non capisco perché gli sviluppatori perdono tempo a cercare di tenere il giocatore incollato al gioco anche dopo averlo finito, ma la prima cosa che mi viene in mente è il cercare di tenere l’interesse alto fino all’uscita di eventuali DLC.

La componente multi player è presente e sembra abbastanza divertente e originale. Il problema è che ci ho giocato pochissimo e non me la sento di descriverla troppo. È la classica modalità che richiede un gruppo di amici affiatati, dato che giocarla in solo non è molto divertente.

Voto 5/5

Per chiudere la rece, aggiungo che è stato pubblicato un fumetto che narra quello che succede un anno prima delle vicende narrate nel gioco, scritto dallo stesso direttore creativo del gioco (Neil Druckmann). Il fumetto si intitola “The Last of Us: American Dreams” ed è pubblicato dalla Dark Horse Comics. Oggi passo dal mio negozio di fumetti di fiducia e lo ordino🙂

Voto complessivo: 5/5 (Vale la pena comprarsi adesso la PS3 solo per giocare a questo, o aspettare di vedere se la PS4 sarà retro compatibile).

3 risposte a “[rece] The Last of Us

  1. La ps4 non sarà retro compatibile con la ps3. Ha un’architettura diversa e non credo ci metteranno un’emulatore al suo interno. E’ più probabile che esca qualche emulatore per pc

    • Quello che dici ha senso. Però non capisco il senso complessivo della cosa. Che senso ha far uscire titoli AAA adesso per PS3 se poi non potranno essere giocati sulla PS4?

      Quanta gente continuerà a comprare la PS3 quando ci sarà la PS4 in circolazione? Le nonne che vanno al negozio di video giochi a comprare il regalo di Natale ai nipotini?

      Commesso Gamestop: “Signora guardi…abbiamo un marchingegno per giocare fenomenale, si chiama PLEISTECION TRE!”…e intanto nasconde la nuova PS4 sotto il bancone “Costa solo 300 euro con in regalo un buono da 10 euro da usare QUA”…ghigno malefico.

      Dark Souls 2 mi sembra uscirà DOPO la PS4 ed è solo per PS3.

      La PS3 è in dirittura di arrivo, nel senso che ormai non ha più nessuna garanzia, a meno che non te la sei comprata adesso. Se si rompe DI CERTO non me la ricompro.

      Se veramente non potrò caricarci i 50+ giochi che ho, vado alla Sony e glieli ficco tutti su per il culo, e scusate il francese.

      Insanity?

      • Tutti i modelli di PS3 che vendono adesso sono soldi facili per la Sony.
        Grazie all’economia di scala ormai producono a due soldi e così smaltiscono anche eventuali fondi di magazzino (e l’immagazzinamento costa).
        Non scordare che fino ad un paio dia anni fa si vendeva ancora la PS2

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...