The Last of Us, prime impressioni

TheLastOfUsNon pensavo che la PS3 fosse ancora capace di “stupire con effetti ultra vivaci”. La Naughty Dog è magistralmente riuscita, ancora una volta, a spingere l’hardware fino quasi al punto di rottura. Non oso pensare cosa ci tireranno fuori sulla PS4, la quale spero proprio che sia retro compatibile.

TLoU è un titolo esclusivo per la PS3 con un’ambientazione post-apocalittica, ultimamente molto cara a noi tutti (basta vedere la mole di produzioni di vario genere in circolazione in questo periodo). La prima cosa che mi è venuta in mente è stato il film “28 days later”, anche se ripensandoci è più vicino a “I am Legend” con Will Smith, a sua volta basato sul libro del 1954 di Richard Matheson.

Il protagonista di questa storia è un sopravvissuto di nome Joel, il quale a malincuore ha l’incarico di scortare una ragazzina attraverso una Boston devastata e in quarantena. Non descrivo altro per non rovinare la storia.

Il gioco è molto fluido e piacevole, il personaggio risponde molto bene ai comandi e la ragazzina (Ellie) non è mai in mezzo ai piedi durante gli scontri, i quali sono veramente epici. Ci sono tipi diversi di “mostri”, che reagiscono in maniera diversa e cambiano strategia in base all’arma che si usa, tenendosi in copertura se vedono Joel imbracciare uno shotgun, ad esempio.

Copertina del libro "I am legend"

Copertina del libro “I am legend”

C’è un sistema rudimentale di crafting per migliorare le armi e per creare dei medi-kit, dei coltellini che si possono usare per scassinare serrature e eliminare i nemici una volta immobilizzati con assalti di sorpresa e altro.

Parlando della componente stealth, Joel ha la capacità di attenuare i rumori disturbanti e concentrarsi su eventuali pericoli nelle vicinanze. Il risultato è che i nemici si vedono attraverso i muri fino ad una certa distanza. Alcuni mostri sono molto pericolosi perché se ti prendono ti uccidono senza possibilità di salvezza.

La cosa che fa paura è che le risorse sono veramente scarse, quindi bisogna pensare prima di costruirsi dell’equipaggiamento e prima di decidere di sparare come un pazzo con le armi da fuoco. Mi sono ritrovato parecchie volte a dover letteralmente schivare i nemici perché non avevo modo di eliminarli.

Devo dire che è veramente bello e avvincente, con un livello di suspence adeguato e una storia tutta da scoprire (anche se non proprio super originale). Un giocone che mi ha tenuto incollato alla PS3 per parecchie ore ieri. Vale quasi la pena comprarsi una PS3 adesso solo per questo gioco🙂

5 risposte a “The Last of Us, prime impressioni

  1. Comprato ma ancora non scartato. Ci giocherò appena finisco il trasloco. Ah si, vado a vivere a Dublino :))))) emigrato anche io!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...