[Libri] The Way of Kings

La stupenda copertina di Michael Whelan, senza le scritte sovraimposte.

di Brandon Sanderson

Questo è il quarto libro di Sanderson che leggo e anche in questo caso mi ritengo pienamente soddisfatto.
L’impronta è completamente opposta rispetto a quella data nella trilogia di Mistborn. In essa il ritmo era frenetico, la trama andava di corsa e tutto succedeva senza lo spreco di una singola pagina.
Qui siamo di fronte ad un’opera decisamente diversa: alcuni hanno scritto prolissa o “priva di regia”. Credo invece che Sanderson abbia deciso di fare questa volta un quadro enorme. Lo si evince anche da quanto scrive nell’introduzione, in cui confessa come questa sia in realtà la sua prima storia, la saga che ha covato nella sua mente per anni, anche prima di intraprendere la carriera da scrittore professionista.

L’ambientazione è esotica e monumentale, ci sono un sacco di trovate interessanti e il mondo di Roshar è abbastanza diverso dal nostro da risultare affascinante: immaginate un pianeta in cui tempeste distruttive attraversano il continente con regolarità, dove il suolo è quasi ovunque roccioso e dove gli invertebrati sono le forme di vita più comuni. Aggiungeteci una forma di vita magica, gli spren, che si manifesta solo in certe occasioni, e un passato fatto di eroi e mostri in cui campioni dotati di poteri immensi hanno affrontato le forze del male in una battaglia che è durata per millenni.

L’impressione è che questo romanzo sia soltanto un capitolo introduttivo. Sebbene dia una sufficiente soddisfazione al lettore con un finale in crescendo, è il primo volume di una saga che probabilmente sarà molto lunga. Immagino qualcosa nello stile di Robert Jordan.
Riassumendo i personaggi in questo libro sono 3: Kaladin, ex-chirurgo, ex-soldato, ora schiavo, Dalinar, principe di un potente casato, che cerca di risolvere il mistero della morte del fratello Re, provando al contempo a dare forza alla monarchia, e infine Shallan, una giovane artista che mette in piedi un piano disperato per salvare la sua famiglia dai creditori.
Tutti e tre molto ben delineati e interessanti, con dubbi e incertezze e senza un chiaro obiettivo nella vita.

I “cattivi” in questo libro non si vedono, sono avvolti in un alone di mistero che è vecchio di millenni e gli avversari dei protagonisti sono gli uomini che curano i propri meschini interessi.

E’ un libro che ho letto con molto piacere, che sebbene mostri una sorta di introduzione dei personaggi della saga, risulta pienamente soddisfacente. Sono davvero curioso di sapere come proseguirà la storia.

Ben scritto nel suo complesso e molto ben rifinito. Le capacità di Sanderson anche in questo sono evidenti. Per alcuni sarà forse un po’ lungo, ma confesso di essermi goduto appieno tutti i dettagli.

Ultima nota per l’edizione italiana: il libro contiene alcune belle tavole in grigio, ma l’edizione italiana è costosissima: 35€. Un librone enorme, cartonato, con sovraccoperta e un corpo bello grande. Io ho comprato l’edizione americana:  8,99$, in brossura, con la stessa meravigliosa copertina e le tavole (tranne un paio di quelle a colori, che sono diventate in b/n). Decisamente più comoda da portare in giro.

Di seguito le mappe e illustrazioni presenti nella copertina. Ok devo dire che sono belle. Ma non ci spenderei comunque 35 €

4 risposte a “[Libri] The Way of Kings

    • Consiglio comunque a chi volesse scoprire Sanderson, la lettura di Mistborn. L’impegno è minore, l’appeal più immediato e soprattutto è una serie conclusa. Questa richiederà un bel po’ di pazienza per vederne la fine.
      Un altro punto a favore di Sanderson è che sul suo sito c’è sempre scritto a cosa sta lavorando e a che punto è.

  1. Sono tentato di prendere l’edizione italiana, online la si trova a 25.50, però mi chiedo come sia stato tradotto. Il titolo è ovviamente “La via dei re”, però poi hanno aggiunto “Le cronache della Folgoluce: 1”. Paolè tu che hai letto il libro in lingua originale centra qualcosa questo sotto-titolo?

    • La serie si chiama “The Stormlight Archive”. Ci sono un sacco di termini inglesi un po’ particolari, che combinano aspetti dell’ambientazione. Un po’ come nel caso di Mistborn. Sicuramente in lingua originale è più stiloso, però posso dire che la qualità delle traduzioni Fanucci è sempre molto alta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...