[Fumetti] Batman Hush

Un bel mammozzone fumettistico che racchiude i numeri dal 608 al 619 della testata “Batman” edita dalla DC Comics, originariamente pubblicati nel 2002 e 2003. Storia di Jeph Loeb con disegni di Jim Lee/Scott Williams/Alex Sinclair. Un bel gruppetto.

In questo periodo sono molto “affamato” delle storie della DC Comics, una casa editrice che ho trascurato parecchio durante la mia adolescenza per motivi non molto precisati. Forse la stupida idea che se uno leggeva la Marvel allora non poteva leggere la DC, non lo so. Quindi ogni volta che entro nel mio negozio di fumetti preferito (ce ne sono tre qua a Helsinki praticamente), ne esco quasi sempre con qualche titolo della DC.

In Hush incontriamo quasi tutti i nemici di Batman e per questo è veramente stupendo per chi non ha molta conoscenza del mondo di questo personaggio e vuole avere una “panoramica” sui lunatici di Gotham City. Ci sono anche quasi tutti i suoi alleati ovviamente, compresa Catwoman, che in questa storia ha anche un intreccio sentimentale col nostro “uomo pipistrello”. Catwoman non è un proprio e vero alleato; è una figura diciamo neutrale che ha un’agenda personale. Compare anche Huntress, un’eroina di origini italiane di nome Helena BERTINELLI😉 (si può vedere in copertina sulla sinistra accanto a Catwoman).

Ho scoperto che Batman in realtà è pieno di intrecci nella sua vita o “strings”, come dice Selina (Catwoman). Mi pare di aver capito che è un tipo abbastanza fragile, tutto considerato…e inaccessibile. Molte persone ormai conoscono la sua identità, forse troppe per un personaggio solitario come lui. Non è molto diverso da i vari lunatici a cui dà la caccia; è soltanto l’altra faccia della medaglia, un po’ come la moneta sfregiata di Two-Face. Gotham city è più “bella” che mai e messa in contrasto con la lucentezza di Metropolis in più di un’occasione (Superman e Lois Lane fanno la loro comparsa).

La storia è molto interessante e si basa su un’amicizia d’infanzia di Bruce Wayne. Non posso dire altro per paura di spoilerare troppo. Dico solo che questa amicizia porta Batman a scontrarsi con la maggior parte delle sue nemesi in una trama abbastanza articolata e ricca di colpi di scena. Lo consiglio vivamente a chi vuole approfondire il lato psicologico di Bruce/Batman dato che rivisita anche il suo senso di colpa per aver perso uno dei Robin (Jason Todd).

Voto 5/5

9 risposte a “[Fumetti] Batman Hush

    • Per quanto ho capito ne muore solo uno, Jason Todd. Il primo mi sembra sia diventato Nightwing e l’ultimo è ancora un regazzino (che poi fa parte dei teen Titans di adesso, ne è praticamente il leader).

      Non ti preoccupare, i personaggi della DC resuscitano tanto quanto quelli della Marvel😉

      • Ah beh, io nemmeno sapevo che c’erano “più” Robin. ma che li hanno clonati? sto cominciando a capire uno dei problemi degli universi dei supereroi: cominciano ad essere più numerosi delle persone comuni. cmq questo volume mi interessa🙂 penso lo prenderò

  1. Me lo ricordo il dualismo Marvel-Dc degli anni 90. Forse dipende dal fatto che Marvel proponeva un mondo più omogeneo, con una sorta di continuity trasversale su tutte le pubblicazioni, mentre l’universo DC sembrava molto più difforme. Inoltre c’era il problemino che la DC propone ancora personaggi degli anni 30, uno dei quali davvero inutile: Superman.
    In effetti però la Marvel ha ancora Capitan America e Namor…

    • Se posso dire la mia, la Marvel ha tendenzialmente una quantità di personaggi più fighi. Però credo che ne abbia sfornati talmente tanti che alla fine le probabilità di tirarne fuori di buoni sono aumentate rispetto alla DC. A favore della DC ci sono però dei personaggi ed anche delle storie che la Marvel se li sogna. Sarà anche una questione di gusti, ma trovo le origini di Batman con i suoi personaggi chiave di uno spessore elevato, per non parlare la storia narrata su Watchmen sino adesso la mia preferita, trasposizione cinematografica compresa.

      • Eh, si occhio che Alan Moore è un mondo a parte. Anche perché le sue storie, a differenza dei comics, hanno una conclusione.

      • Non ci avevo mai pensato, ma effettivamente i fumetti non finiscono mai. Sarà per quello che poi anche delle belle storie poi stufano. Scadono in sceneggiati come Dallas, Dinasty, Beatuful…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...