RTS: Evoluzione e declino

Ieri sera ho finito Dawn of War 2. Colgo l’occasione per fare una riflessione su tutta la categoria degli RTS (Real-Time Strategy).

Archeologia videoludica: Dune 2

Il genere è partito con Dune 2 degli Westwood Studios. Il gioco ha originato un template che per anni è rimasto immutato: raccogli risorse-> costruisci base->produci truppe nella base->attacca l’avversario.

Il mercato si è mostrato subito ben disposto verso questo nuovo genere e ci siamo ritrovati con una pletora di imitazioni: Command & Conquer, Warcraft (I,II e III), Starcraft, Age of Empires e altri titoli più oscuri e di minor successo.

A conti fatti questi giochi non erano altro che pedisseque ripetizioni di una formula già sperimentata, con una grafica aggiornata e unità con qualche caratteristica aggiuntiva. In tutti quegli anni di RTS, la svolta più significativa è stata l’introduzione della selezione multipla delle unità e le shortcut da tastiera per i comandi.

Certo è innegabile che il genere abbia avuto il suo bel momento di successo. Il team Blizzard si è dimostrato molto efficace nel raffinare al massimo un’idea collaudata e ha puntato molto sul gioco competitivo, varando la Battle.net, una serie di server dedicati per il multiplayer. Offrendo per la prima volta un servizio efficiente e centralizzato via Internet (prima si giocava sulle LAN), il focus di questi giochi si è spostato molto sulla competizione fra giocatori.

Tuttavia di strategico c’era ben poco in questi giochi: ritmo sempre più frenetico e la tendenza verso il multiplayer li avevano trasformati in mostruose clickfest che spesso consistevano in un “rushing” dell’avversario (attaccarlo il più velocemente possibile per limitargli la produzione). Oltretutto la stupidità delle unità era rimasta costante con i soldatini del giocatore che, in mancanza di input, se ne stavano beatamente a prendere i colpi a distanza del nemico.

Come dimenticare i paladini del computer di Warcraft 2 che usavano il loro potere di guarigione due volte al secondo (era un barrage di cure!) mentre il povero player con gli orchi doveva cliccare su uno shamano, cliccare su uno spell, cliccare su un bersaglio (che magari era pure in movimento). Era impossibile stare dietro al computer.😐

Qualcosa è cambiato con Total Annhilation, dove in genere le unità avevano più libertà di movimento, visuali più estese e si ingaggiavano reciprocamente anche avendo armi con raggio d’azione diverso, ma sopratutto dove la raccolta delle risorse era limitata a costruire strutture su punti particolari della mappa (risorse che tra l’altro erano infinite).

Dal mio punto di vista il genere era ormai diventato troppo assurdamente lontano dalla realtà e troppo rapido da poter essere definito “strategico”.

Grazie al cielo qualcosa è cambiato con la Relic e la THQ e la loro serie Dawn of War.

Dawn of War: for the Emperor!

Il resource gathering è praticamente abbandonato: le due risorse di gioco sono prodotte dalla percentuale di mappa che si controlla e da strutture della base. Le unità hanno impostazioni che permettono di specificare come devono reagire in caso di avvistamento del nemico, si va da “Mantieni la posizione” a “Cerca e distruggi”. Si può impostare se devono attaccare a distanza o avvicinarsi per il corpo a corpo e soprattutto si controlla come una sola entità un’intera squadra.

Niente più milioni di click per muovere 20 soldati in posizioni decenti. Si può dare un comando di attacco a due quadre e andare a controllare un’altra parte della mappa senza il rischio che le truppe si blocchino sotto il fuoco nemico.

Il gioco è tutto in 3d, animato molto bene e le unità si massacrano in un corpo a corpo che dà un bel senso di realismo (i Dreadnought che stritolano gli orchi nei Power Fist sono uno spettacolo). E` anche il primo gioco ad introdurre il morale per le truppe.

La Relic ci riprova un anno dopo con una serie strepitosa: Company of Heroes.

Company of Heroes: il nostro Sherman attacca un edificio in cui si sono fortificate tre unità nemiche. Le carcasse di tank e i detriti dei palazzi che abbiamo abbattuto forniscono copertura alla fanteria.

Qui il genere RTS raggiunge il suo picco: niente resource gathering, truppe intelligenti, uso di copertura, morale per le unità, fanteria controllata a squadre, scenario completamente distruttibile, le unità non hanno i punti ferita (ad esclusione dei tank, che però hanno un sistema di danni localizzati che li rendono variamente inoperativi).

E’ davvero uno spettacolo vedere i propri fanti che vanno a terra o in cerca di copertura quando sono sorpresi da un corazzato nemico, oppure ripiegano verso le proprie linee.

Con queste innovazioni CoH rinnova il genere, togliendo alcuni degli aspetti che rendevano gli RTS più giochi che simulazioni.

I titoli successivi di Relic sono meno fortunati. Dawn of War 2 elimina del tutto risorse e base. L’RTS si trasforma in RTT (real-time tactical) e il focus passa tutto sulle truppe: l’azione è molto più rapida ma si perde una parte del gameplay. Devo ancora provare il multiplayer che forse contiene un po’ di management delle unità e della base, scriverò poi un follow-up.

Ora veniamo alle note dolenti, il “declino” di cui nel titolo.

Tutti questi giochi sono tipicamente per PC. Giocarci con un Pad sarebbe un incubo. Considerando che nel mercato dei videogiochi ormai il PC costituisce meno del 10% del venduto (se non ricordo male siamo sul 7%), secondo voi ci saranno ancora software house pronte a spendere per proporre giochi di questo tipo? Non avete notato già un forte calo delle uscite in un genere che ha sempre prodotto titoli in continuazione?

6 risposte a “RTS: Evoluzione e declino

  1. Bell’articolo🙂

    Parto dal basso. Tablet…sono l’ideale per i RTS. Mi sembra che ce n’è già uno. Sono d’accordo sulla difficoltà nel giocare un RTS su una console. Ruse ci ha provato ma ho giocato solo al demo e non ti so dire la reazione dei giocatori.

    Personalmente non sono mai stato un fan dei RTS anche se anni fa facevo parte di una gilda di Warcraft 3. Sono belli giocati tra amici ma su Battle.net, ad esempio, ci sono mostri che non ti danno neanche il tempo di respirare. Non mi diverte.

    Io sono lento, non sono fatto per le guerre lampo. Preferisco gli strategici a turni, dove perdo comunque ma almeno mi diverto di più😉

    • Uhm, i tablet… secondo te è comodo controllare un RTS con un tasto solo? Alla fine l’implementazione del touch screen è come quella di un mouse con un singolo tasto…
      Illuminaci con la tua conoscenza dell’iPad😛

      • se magari mettono una sorta di tastiera su schermo con alcuni tati (shortkeys) ai bordi del video, magari si potrebbe fare qualcosa alla Minority Report, non proprio uguale ma magari ispiransosi al concetto.

      • La velocità con cui selezioni le unità e indichi dove attaccare o spostarsi, con le dita, su un tablet…non esiste cosa più veloce, altro che mouse o tastiera.

        Ovviamente il gioco va modificato per consentirne il controllo “tattile”🙂

  2. Comunque esiste anche il mouse per console, ma non credo sia una soluzione. Al massimo una trackball ergonomica da tenere poggiata su una gamba, oppure agganciata ad un guanto..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...